image

L’importanza di spiegare

Ogni giorno nel mondo accadono eventi che richiedono risposte.

Sarebbe altresì necessario, ma anche auspicabile, che a essi venga data anche una spiegazione, e che questa sia il più possibile obiettiva.

Molto spesso le prime sono fornite dalla politica, che però tende ad agire “di pancia” badando principalmente a ciò che l’uditorio, e quindi l’elettore, vuole sentirsi dire. Si tratta di risposte che per così dire “fotografano” ciò che è avvenuto, generalmente rassicuranti per i più, ma prive del rapporto causa-effetto, prive cioè degli elementi che consentono di capire il perché dell’avvenimento e quali potranno essere le conseguenze.

Prive quindi di quel processo efficacemente sintetizzato dalla parola “spiegazione”.

Ma a chi è demandato il compito di spiegare?

È poi così necessario? È opportuno che la spiegazione sia il più possibile obiettiva?

Fino a qualche anno fa la risposta alla prima domanda sarebbe apparsa scontata, visto che il buon senso avrebbe suggerito di far assolvere il compito a chi ha le necessarie competenze per farlo, e quindi a chi dispone della conoscenza.

Di questi tempi invece è necessario chiarirlo, anzi ribadirlo: la spiegazione di un fatto può – deve – essere fornita da persone competenti nel settore specifico.

Le successive questioni poste meritano entrambe una risposta affermativa.

Sì, è necessario spiegare. È necessario per inquadrare la vicenda nel giusto contesto storico, sociale, geografico, culturale, antropologico; ma è soprattutto necessario per evitare, o almeno limitare, che quanto avvenuto – se negativo – si ripeta. In breve, è necessario per evolvere, attraverso l’analisi delle cause che hanno portato all’evento e i prevedibili effetti che potranno palesarsi.

Imprescindibile infine resta il carattere dell’obiettività, da ricercare in primo luogo separando i fatti storici dalle opinioni e poi confrontando tra loro più fonti, indiscutibili per comprovata attendibilità.

In sintesi, ci si abitui dunque a ricercare sempre la conoscenza non solo dei semplici fatti, ma soprattutto delle ragioni che li hanno provocati e dei loro effetti, così da poter efficacemente  fornire il proprio contributo alla crescita culturale del Paese.

Potrebbero Interessarti anche

17 luglio 2018

Cybersecurity, GRU ed elezioni USA

Questo indictment, cui è seguita la dichiarazione di Dan Coats, sembra essere più un atto di “guerra fredda” che non una reale investigazione. Sempre ammettendo che dei russi si sia trattato, la verità è che la cybersecurity americana si è rivelata di pastafrolla.

14 maggio 2018

Il diritto internazionale come efficace passepartout nell’analisi geopolitica

In ambito di geopolitica, agli occhi del giurista è immediato comprendere alcuni Stati non fanno altro che creare, attraverso un comportamento attualmente contrario al diritto internazionale e con la speranza che il maggior numero di Stati vi aderisca, una nuova eccezione al divieto dell’uso della forza armata.

08 maggio 2018

Il fattore umano nell’Intelligence

Possiamo avere accesso a tutte le informazioni che vogliamo, ma se manca il fattore umano del distinguere tra informazioni (relativamente) false e informazioni (relativamente) vere, non andremo molto lontano.

27 aprile 2018

Intelligence per il mondo moderno

Intelligence, nel mondo attuale, significa dominio dell’informazione. Tale dominio si ottiene soprattutto attraverso tutte attività in cui la priorità non è la tecnologia, ma l’analista, la componente umana.